Ferrari Challenge Asia Pacific – A Negro, Wu, Berry e Fujiwara le prime vittorie ad Abu Dhabi

7 aprile 2017

Ferrari Challenge Asia Pacific – A Negro, Wu, Berry e Fujiwara le prime vittorie ad Abu Dhabi

Abu Dhabi, 7 aprile 2017 – La prima delle due gare del primo round del Ferrari Challenge Asia-Pacific si è corsa sabato nel deserto arabo sotto la luce dei riflettori della pista di Yas Marina, nei pressi di Abu Dhabi. Sono stati 24 i piloti in gara, in rappresentanza di 12 differenti nazionalità che si sono dati battaglia al volante delle nuovissime 488 Challenge, al debutto assoluto nelle competizioni, e delle 458 Challenge EVO. La gara è durata solo sette giri, perché è stata sospesa con la bandiera rossa e dichiarata conclusa al sesto giro dopo un terribile incidente. Al settimo passaggio il leader della corsa, il cinese Huilin Han, è finito contro le barriere in fondo al rettilineo più veloce della pista. Il pilota ha decelerato da 270 a 150 km/h prima di impattare contro le barriere ma l’urto è stato comunque molto violento. Lo spavento iniziale ha lasciato spazio ad un sospiro di sollievo quando, dopo la rimozione dei rottami delle barriere, il pilota è sceso autonomamente dall’auto completamente illeso. Per la 488 Challenge si è trattato di un ulteriore crash test, di cui non si sentiva la mancanza ma che ha confermato la robustezza della nuova vettura.

 

Trofeo Pirelli. Gara-1 ha subito offerto uno spaccato di quello che è sempre stato il Ferrari Challenge: spettacolo e adrenalina allo stato puro in un ambiente e con una vettura esclusiva. Al via Philippe Prette non è riuscito a mantenere la prima posizione ed è stato superato da Han e poi da Angelo Negro dopo che è rimasto coinvolto in un incidente con Ken Seto. Han stava guidando la corsa inseguito da Negro, quando il pilota cinese è finito contro le barriere. Al terzo posto in quel momento c’era il debuttante malese Zen Low che è così salito in seconda posizione. La terza piazza è andata a Prette. Per Negro si tratta della prima vittoria in carriera.

 

Trofeo Pirelli Am. Nella classe Am del Trofeo Pirelli a fare la parte del leone è stato… Tiger Wu, rappresentante di Taiwan, che non ha avuto nessun problema a regolare la concorrenza. Il secondo posto è andato al cinese Yanbin Xing che è riuscito a tenere a bada il giapponese Ken Seto, autore di una bella rimonta dopo aver perso terreno in un incidente con Prette. Xing è stato aiutato dalla sospensione della corsa visto che Seto sembrava lanciato verso il sorpasso.

 

Trofeo Pirelli 458. Nella classe riservata alle 458 Challenge EVO a stupire tutti è stato l’australiano Martin Berry che al debutto è riuscito a conquistare il successo anche grazie ad una partenza perfetta. Al secondo posto si è piazzato l’eroe locale Tani Hanna, che ha recuperato dopo un incidente in partenza e senza la sospensione avrebbe anche potuto centrare la vittoria. Al terzo posto si è piazzato il cinese Min Xiao.

 

Coppa Shell. Nella Coppa Shell il successo è andato al giapponese Makoto Fujiwara, al primo successo della carriera. In seconda posizione si è piazzato Kent Chen mentre la terza posizione è andata ad un altro debuttante, il neozelandese David Dicker che si è aggiudicato la vittoria anche nella Gentlemen Class. Il premio per la migliore ragazza in pista è andato alla thailandese Kanthicha Chimsiri.

 

Domenica. Il programma di pista riprende domenica con gli stessi orari del sabato. Le qualifiche di Gara-2 sono previste alle 15, mentre le corsa prenderà il via alle 19.30 locali (17.30 CET).